Michele Angelini: La speranza più soave